E-commerce in Italia : statistiche e trend.

E-commerce in Italia : quali sono i risultati e quale trend si registra?

Le ultime indagini, svolte da qualificate società, hanno messo in evidenza come il mercato via web, tramite siti e-commerce, registra una crescita davvero considerevole, e mette in evidenza come i dati del 2015 si prospettano ancor più incoraggianti.

Nello specifico, nel biennio 2012/2014, il fatturato medio delle aziende che operano nel settore e-commerce, ha riscontrato un incremento medio del 39% annuo.

Il 2013 ha registrato, rispetto agli altri anni, la crescita più bassa del solo 6%, mentre il 2014 ha registrato un incremento dell’ 8% con un fatturato di circa 24,2 miliardi di euro.

Rispetto ad altri mercati, europei e non solo, che risultano presenti in maniera più massiccia e da più tempo, l’Italia risulta posizionata nettamente indietro rispetto agli altri mercati avanzati.

Il dato incoraggiante è che il trend di crescita è costante, e si può ben affermare che nel breve tempo, ci si potrà allineare alle altre nazioni.

Paragonando la nostra nazione col mercato britannico, i dati parlano di un peso specifico che è pari al 10 per cento di quest’ultimo. È facile comprendere quindi come ci sia ancora da lavorare in questo senso.

Come la tendenza delle maggiori nazioni a penetrare in altri mercati, al fine di estendere la propria presenza, ed allargare quanto più possibile la fetta di mercato da andare ad occupare.

L’INFLUENZA DEI MARKETPLACE.

La presenza e la forte crescita dei MarketPlace in Italia sta a dimostrare come il numero di aziende italiane che iniziano e si rafforzano attraverso i colossi della vendita online, come Amazon ed ebay, va a crescere sempre di più ad oggi, circa il 33 per cento delle aziende italiane è presente su questa tipologia di piattaforma, andando ad aumentare il proprio fatturato, sia nazionale che, per circa il 40 per cento, verso l’estero.

I due settori che ancora una volta risultano dominanti sono il tempo libero e il turismo seguiti dalla vigorosa crescita del settore moda, quest’ultimo, nonostante l’importante crescita, deve ancora attendere per raggiungere i risultati molto più importanti ottenuti in altri paesi.

Un elemento fondamentale che emerge è il ruolo sempre più importante e centrale che assume il“mobile”, che sta diventando uno strumento necessario per la vendita online di tutti i mercati avanzati.

La percentuale del fatturato via smartphone o tablet è sempre più in crescita rispetto agli anni precedenti.

Si calcola, secondo i dati forniti dai gestori di e-commerce, che il mobile ha generato il 13% sul totale dei ricavi derivanti dalla vendita online.

L’incremento è sicuramente derivato da maggiori investimenti da parte delle aziende, che hanno compreso l’importanza del mobile e hanno optato per la creazione di app personalizzate o di siti web responsive.

MARKETING E ADVERTISING

Le diverse campagne marketing e advertising, rappresentano anch’esse fattori quasi determinanti al fine di poter ottenere risultati.

Rispetto all’intero budget speso in pubblicità per la promozione degli e-commerce, lo strumento più utilizzato pare essere il Keyword advertising, che ricopre mediamente il 29% delle risorse disponibili.

Un leggero decremento si è avuto sugli investimenti dei social media, che godono del 12% del budget contro il 15% del 2014.

Malgrado ciò, Facebook pare essere comunque uno strumento molto importante per le aziende che vendono online, infatti il 68% delle aziende lo giudica utile ai fini di crescita del fatturato ed è secondo solo a You Tube.

FONTE: Casaleggio Associati – Indagine Casaleggio Associati

Scopri le soluzioni aziendali per incrementare il tuo business, scopri la Engol Solution!

Consulenza Servizi Web, la Web Agency che ti porta al successo!


Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *