Il Web sorpasserà la Tv entro il 2017

Investimenti pubblicitari delle aziende: nel 2017 si vivrà il sorpasso del web nei confronti della Tv, almeno quella tradizionale, che fino ad oggi ha creato colossi, mondiali ed anche in Italia, che dovranno trovare al più presto l’alternativa per poter affrontare al meglio questo mutamento epocale.

ZenithOptimedia, l’agenzia web media tra le prime in tutto il mondo, prevede una spesa pubblicitaria globale in crescita del 4,6% nel 2016 a quota 579 miliardi di dollari.
Il centro studi della società di PublicisGroupe, guidato da Jonathan Barnard, Head of Forecasting, ha leggermente rivisto al ribasso le stime di crescita rispetto alle previsioni formulate a dicembre (+4,7%).

La fiducia delle aziende, segnala Zenith, parrebbe comunque al momento non essere stata intaccata dalle tante difficoltà che il mondo sta vivendo sia sul fronte economico (l’instabilità delle Borse, al recessione in Russia e Brasile, l’instabilità dell’Unione Europea) sia sul fronte politico (la crisi siriana, la minaccia del terrorismo).
Mentre il 2016 sarà un anno segnato da eventi trainanti per il mercato pubblicitario, come i campionati europei di calcio e, soprattutto, le Olimpiadi di Rio e le elezioni presidenziali di novembre negli Stati Uniti, sarà il 2017 a segnare una vera e profonda mutazione delle abitudini e degli investimenti delle aziende, sempre più indirizzate al web, con un netto calo degli introiti investiti invece sulla più tradizionale Tv.
Nel 2017, secondo Zenith, internet diventerà il primo mezzo nel mondo per investimenti pubblicitari, superando così la televisione.

Chi investe sul web sa che la sua pubblicità sarà visualizzata in primo luogo sulle piattaforme mobile, sempre più diffuse e utilizzate dai consumatori.
Il mobile advertising arriverà infatti a rappresentare il 92% dei nuovi investimenti pubblicitari previsti nel triennio 2015-2018.

In Italia, la spesa pubblicitaria dovrebbe crescere quest’anno dell’1,7% rispetto al 2015, mentre l’anno scorso, secondo Zenith, gli investimenti pubblicitari sono aumentati dell’1,9%.
La televisione continua a dominare il mercato della pubblicità con una costante crescita delle quota delle tv tematiche a scapito della tv generalista: nel 2016 la sua performance dovrebbe essere del +1,7% per una raccolta totale di 3,288 miliardi di euro.
Secondo mezzo del mercato è internet, la cui crescita dovrebbe attestarsi quest’anno al +6,2% (1,935 miliardi) con performance positive in particolare dell’online video e dei social media. La radio dovrebbe chiudere l’anno con un consuntivo (+2,5%) ma non sui livelli dello scorso anno (+7,7%).
I quotidiani e i periodici non arresteranno la loro flessione anche nel 2016, con rispettivamente decrementi nell’ordine del 4,5% e del 4,4%.
Il cinema torna in territorio positivo (0,2%), mentre l’outdoor, che lo scorso anno ha potuto contare anche sull’effetto Expo, fa il percorso inverso (-2%).

Scopri come promuovere il tuo brand online, rivolgiti agli esperti del marketing e chiedi un preventivo gratuito a Consulenza Servizi Web

Servizi Marketing personalizzati e ad hoc per la tua azienda, campagne DEM mirate e tanto altro ancora… Porta la tua azienda sul web e diventa leader…scopri Engol Srl


Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *