Processi di Conversione con le Landing Page : scopri le strategie marketing per il tuo Business

La Landing Page è una particolare pagina web che ha come obiettivo convincere l’utente ad eseguire l’azione di conversione per la quale è stata progettata.

Nello specifico, quando un utente raggiunge una landing page, affronta il cosiddetto processo di conversione che lo porterà alla conversione da utente in cliente.

Il processo può essere riassunto in 4 fasi principali, ognuna delle quali è completata da una scrematura dei diversi utenti raggiunti, ossia da un numero sempre minore di potenziali clienti.

Il tasso di conversione medio varia a seconda del target, dell’offerta e della provenienza.

Solitamente in media per offerte “a pagamento” solitamente non supera il 10 per cento, mentre per le offerte gratuite (come può essere l’invito alla registrazione ad un sito o ad un blog), di solito la percentuale sale al 12 per cento.

I quattro passi di conversione delle landing page sono:

  • Mi Interessa?
  • Dovrei accettare l’offerta?
  • Mi hai convinto!
  • Conversione completata

In media, il tempo di verifica sulla Landing Page, per comprendere se sia di proprio interesse, è di circa otto secondi.

Quindi è evidente che non vengono lette tutte le parole e tutte le immagini.

Il consiglio è, per attrarre la maggior attenzione possibile, di usare frasi brevi e sintetiche, ed usare pochi link da cliccare.

Cosa si chiede l’utente, una volta che si trova sulla pagina?
Sicuramente, vorrà sapere se sta leggendo le cose che si sta cercando.

Almeno la metà degli utenti abbandonano la pagina in quanto non riescono a capire da subito se è di proprio interesse o meno.

Se la pagina non è perfettamente focalizzata sull’azione di conversione, se la grafica non ispira fiducia, se i link non sono intuitivi, il potenziale cliente è perso.

Quindi è necessario prestare maggior attenzione su questo aspetto.

I principali elementi che l’utente prende in considerazione in questa fase sono il design, dove una interfaccia professionale potrà attirare determinati target;
la struttura, la quale si consiglia realizzarla nella maniera più facilmente comprensibile, ed evitare di renderla confusa e difficile da comprendere, col rischio di perdere ulteriori utenti già alle prime fasi.

La grafica, per la quale scegliere di renderla essenziale o ci sono inutili clipart o animazioni.

  • Il testo:è lungo ma leggibile?
  • La dimensione del font è adatta?
  • Il contrasto con lo sfondo è sufficiente?
  • L’headline: è coerente con la provenienza dell’utente?
  • È in relazione con il singolo visitatore?
  • La form di registrazione: è semplice e ridotta all’osso?
  • Contiene elementi di trust bulding?

Domande le cui risposte forniscono i dati attraverso i quali partire per una Landign Page di successo, con tassi di conversione accettabili.

Nel momento in cui l’utente ha deciso che vale la pena restare sulla tua landing page qualche altro istante, hai a disposizione da pochi secondi ad un paio di minuti per convincerlo ad accettare la tua offerta.

I principali elementi che l’utente prende in considerazione in questa fase sono un testo esauriente, contenuti multimediali sempre più innovativi, immediati e che non durino troppo tempo, come video autoprodotti o video in streaming.

Inserire referenze come delle testimonianze o altre credenziali, come garanzie o icone di sicurezza per rafforzare la tua credibilità agli occhi dell’utente.

Non dovrebbe mancare un’analisi della concorrenza, come ad esempio la proposta grafica che questa propone, e domandarsi se si è all’altezza e si è concorrenziali.

Aspetto basilare, è capire se le informazioni sull’offerta includano abbastanza dettagli per permettere all’utente di prendere una decisione informata.

Bisogna considerare che a seconda del tipo di target a cui ti rivolgi, la quantità di informazioni necessarie può variare sensibilmente.

L’ultimo passaggio, il più importante, è il momento in cui il cliente si è convinto della tua offerta, ed è disponibile ad effettuare la “conversione” quindi compiere l’azione per la quale si è ideata la Landing Page, che può essere sia un acquisto che una registrazione, o altro ancora.

A questo punto il potenziale cliente è alla ricerca del link per la conversione, dei dati per contattarti oppure inizia a compilare una form.

I principali elementi che l’utente prende in considerazione in questa fase sono:

  • Errori nel carrello e nei link;
  • Tempi di attesa eccessivi;
  • Bottoni di reset sulle form;
  • Poche informazioni relative alla consegna, alla spedizione o al prezzo;
  • La presenza di link multipli di conversione, come box di ricerca, link chi siamo, barra di navigazione;
  • La mancanza di informazioni sulla privacy vicino al campo della richiesta dell’email;
  • L’assenza di informazioni di contatto, quali email, telefono, fax, numero verde, instant messaging;

Per massimizzare i risultati in questa fase, è necessario offrire all’utente metodi alternativi di pagamento, ad esempio carta di credito, assegno, contanti, vaglia, pagamento dietro fattura, rate, ed altri più comunemente utilizzati e considerati sicuri sul Web.

Chiudere con la pagina di ringraziamento è il modo giusto per completare la fidelizzazione del cliente, e sperare che torni sul sito per ulteriori acquisti.

Scopri le migliori strategie di Web Marketing che Engol Srl propone alle aziende, visita il nostro sito istituzionale e scegli la migliore campagna adatta alla tua azienda!

Engol Srl, scopri come possiamo portare al successo il tuo e-commerce e la tua attività!

Migliori soluzioni, professionalità e competenza al tuo servizio!


Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *