Siti Responsive o Web Mobile Friendly: dal 21 Aprile saranno favoriti da Google!

Il tuo sito non è Responsive? Attento, rischi di perdere posizionamento su Google!

Google, il colosso informatico, ha lanciato un annuncio che sta creando scompiglio nel mondo del Web:

dal prossimo 21 Aprile, tutti i siti che non siano Responsive (o Mobile Friendly) saranno svantaggiati nel proprio motore di ricerca.

Un sito Responsive (leggi l’articolo dedicato) è, in sintesi, un sito web che si adatta automaticamente al dispositivo che lo visualizza rimanendo sempre chiaro e facile da navigare.

Per meglio capire di cosa si stia parlando, l’esempio migliore è quello di provare a restringere orizzontalmente la finestra del browser:

nei siti Responsive, le informazioni andranno a spostarsi e ad adattarsi, restando così facilmente leggibili, senza far saltare l’impostazione grafica.

Questa adattabilità rende il sito visualizzabile in automatico su qualsiasi piattaforma e su schermi di diverse dimensioni.

Soprattutto con la crescita esponenziale della navigazione web da Mobile, ossia da Smartphone e Tablet, le funzionalità Friendly o Responsive sono basilari:

questa impostazione difatti renderà visibile il sito anche su questi apparati, in maniera automatica e senza dover utilizzare gli scroll, freccette od altro.

In base a ciò, dalla data annunciata, nei risultati organici di ricerca verranno presi in considerazione tutti quei siti che sono stati concepiti per essere ottimizzati per Smartphone e Tablet, a discapito di quei siti che non lo sono:

questi quindi avranno un miglior posizionamento nelle pagine di ricerca di Google.

Tutti i portali che non presentino questa funzionalità, andranno, in brevissimo tempo, a perdere la visibilità ed il posizionamento raggiunto, anche magari con fatica ed investendo risorse economiche per campagne marketing dedicate.

Se fino a poco tempo fa avere un sito “responsive” o in una versione ottimizzata per i dispositivi mobili era un “vantaggio” e un punto di attenzione verso i propri visitatori, ora diventa, alla luce di quanto affermato dal colosso informatico, un vero e proprio obbligo.

Tale iniziativa dovrebbe avere effetti più o meno immediati sulle ricerche da mobile in tutto il Mondo e in tutte le lingue, modificando anche in modo sostanziale i risultati di ricerca.

Gli utenti otterranno più facilmente risultati di ricerca rilevanti se i siti web che contengono i contenuti cercati saranno ottimizzati per i dispositivi mobili.

Il perché di questa decisione appare abbastanza semplice da comprendere: i collegamenti ad internet e le ricerche effettuate da dispositivi mobile stanno aumentando, e superando, quelle che avvengono da desktop, e quindi il motore di ricerca cercherà di restituire risultati sempre più di qualità offrendo siti che sono ottimizzati per essere visualizzati da apparati diversi da Pc,Portatili o Desktop in genere, andando a rispondere alle rinnovate esigenze della propria utenza.

Chi non avrà un sito web Responsive risulterà quindi meno competitivo perché perderà visibilità nella ricerca di Google e nel suo posizionamento organico.

Ciò andrà a comportare un netto calo di visite nel sito web, che non sarà più facilmente rintracciabile nei motori di ricerca, e quindi di conseguenza meno clienti.

Google, per venire incontro alle esigenze degli utenti, mette a disposizione un test di compatibilità per verificare il sito:

Google Strumenti per i Webmaster (Google Webmaster Tools) oppure effettuare una semplice verifica del sito con Page Speed Insight.

Se il risultato sarà negativo, il consiglio è quello di provvedere immediatamente ad un restyling del proprio portale, al fine di renderlo Responsive, e quindi evitare di perdere mesi se non anni di lavori ed investimenti.

Visita il sito di Consulenza e Servizi Web, e scopri come far diventare Responsive il tuo sito Internet: scoprirai le migliori soluzioni e le strategie di marketingper far crescete le visite e i guadagni!

Consulenza Servizi Web, la Web Agency che si dedica al tuo successo!


Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *