Social media marketing: quele social funziona di più tra Facebook e Twitter

SOCIAL MEDIA MARKETING SU FACEBOOK e TWITTER: indubbiamente sono i due Social Network maggiormente adoperati e visitati al mondo, i due canali attraverso i quali le aziende trovano spazi e potenziali clienti, da incontrare, relazionarsi, e proporre i propri prodotti e servizi.

Anche se spesso si nota come tra le due piattaforme si trovino punti e funzionalità in comune, Facebook e Twitter seguono logiche completamente diverse. Chiedersi quale delle due sia la migliore, inteso come strumento di Social Media Marketing, è una domanda dalla risposta a varie facce.

L’utilizzo dell’uno e dell’altro, può dipendere da diversi fattori: dalla tipologia di azienda, dal settore, dal prodotto, dal target di utente/cliente ricercato, dalla modalità di attività social che si vuole perseguire come strategia di marketing. In base a questi fattori, per valutare quale delle due piattaforme possa far ottenere risultati migliori, bisogna considerare anche l’aspetto delle statistiche.

Iniziamo col considerare il numero di utenti attivi: Facebook ne vanta ben1,23 miliardi al mese, mentre Twitter si ferma “soltanto” a 232 milioni.

Anche se basare la scelta solo sulla diffusione potrebbe essere riduttivo, si deve comunque dare a questo aspetto la giusta importanza, in quanto maggiore è la frequenza di utenti attivi, più alto potrebbe essere il riscontro di una eventuale campagna marketing.

Ma anche qui bisogna valutare a dovere: ad esempio, per prodotti e servizi rivolti preferibilmente od esclusivamente all’universo femminile, allora si deve considerare che 2/3 degli utenti Twitter è formato da donne, mentre su Facebook rappresentano poco più della metà.

Su questo aspetto, probabilmente si potrà privilegiare maggiormente il primo. Di sicuro, si evince che le donne sono più presenti rispetto agli uomini sui Social, e quindi questo canale di comunicazione va preferito rispetto ad altri.

Altra statistica importante, riguarda le fasce d’età: mentre su Facebook la media dominante degli utenti è tra i 30 e i 49enni, su Twitter si trovano più giovani, con la media con maggior presenza che va tra i 18 ai 29enni. Da qui, possiamo ben capire quale dei due Social è più adatto per il target del prodotto che si va a pubblicizzare.

Altri dati interessanti dicono che il 67% degli utenti di Twitter è incline ad acquistare i prodotti di un brand che seguono sulla piattaforma, mentre il 70% delle aziende che operano in ambito B2C ha acquisito clienti tramite Facebook.

Facebook risulta più idoneo per le campagne B2C (Business verso consumer), con il quasi 70 per cento dei lead commerciali social generati.

Twitter risponde con meno del 45 per cento. Anche parlando di vendite, Facebook supera Twitter con circa il 39 per cento contro il 30 del secondo.

Altra differenza tra i due Social, è la “quantità” di informazioni, sia scritti che video o per immagini, che Facebook offre rispetto a Twitter.

Il “Social in Blu” ama i dettagli e permette alle aziende di pubblicare quante più informazioni, offre la promozione dei post a pagamento e fornisce gli strumenti per misurare metriche e risultati.

Twitter, invece, è risaputo essere un Social “sintetico”, in quanto mette a disposizione esclusivamente 140 caratteri e non offre la possibilità di aprire una vera e propria pagina brand.

Anche qui, però, bisogna considerare le statistiche, che non premiamo necessariamente post dai maggiori contenuti: su Facebook, difatti, i post composti da meno di 250 caratteri (poco più rispetto a Twitter) generano il 60% in più di interazioni.

In base ai contenuti inseriti dalle aziende, cambiano anche le “reazioni” degli utenti. Su Facebook, postare domande genera un aumento del 100% delle interazioni, mentre su Twitter ci si ferma ad un molto più basso 22%.

Inserire link esterni, come blog o sito aziendale, genera in media 19 click su Twitter, mentre su Facebook non si va mediamente oltre i 3.

Postare immagini genera i maggiori riscontri, questa volta su entrambe le piattaforme, in maniera quasi similare: su Facebook ottengono il 53% in più di like e il 104% in più di commenti rispetto ad altri tipi di post, mentre su Twitter ottengono un incremento del 39% nel click e del 41% nei retweet.

Andiamo poi a considerare la portata dei post.

Un tweet viene mostrato a tutti i follower dell’account e ad altri utenti che ricercano le parole chiave contenute nel tweet. Facebook, invece, non consente invece ai fan di una pagina di vedere il 100% dei contenuti postati su quella pagina. Ciò significa che su Facebook c’è maggiore necessità di pagare per promuovere i post di quanto non succeda per Twitter.

In definitiva, possiamo affermare che solitamente le aziende tendono ad adoperare maggiormente Facebook, in quanto considerato, a livello di Social Media Marketing, più efficace per l’acquisizione di lead commerciali, sia in ambito B2B che B2C.

La realtà, analizzando i vari aspetti, dice che i due Social si equivalgono, e che, come si evince dalle statistiche suindicate, l’aspetto prioritario è indirizzare le campagne e le strategie ognuna singolarmente in base ai dati forniti, al fine di ottenere i migliori risultati possibili, combinando l’utilizzo di entrambi.

fonte: eventreport

Consulenza Servizi Web di Engol Srl: una garanzia nel Web Marketing per le aziende italiane: CONTATTACI e richiedi un preventivo GRATUITO

 


Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *