Venti modi personalizzati per utilizzare Google Analytics

In questo articolo non spiegheremo come installare dei post personalizzati in Google Analytics, ma andremo ad illustrare in modo profondo i metodi e i 20 modi più semplici per utilizzare e personalizzare Google Analytics, ma prima di fare ciò daremo una semplicissima spiegazione di cosa sia in realtà Google Analytics.

Per iniziare Analytics è un servizio gratuito, di Google, che ci permette di analizzare tramite delle statistiche,tutto quello che accade intorno al nostro sito web. E semplicemente un pannello di controllo, ove vengono impostati intervalli di date che ci permette di sapere quanti “potenziali clienti” visitano il nostro sito web,quali pagine del nostro sito sono più visitate,per permetterci poi di lavorare su quelle che invece non sono visitate,quindi risultano meno interessanti.

Ci permette inoltre di sapere se i visitatori ritornano e da dove ci hanno raggiunti,quali tag o frasi di ricerca hanno utilizzato per trovarci in rete,quanti ci hanno trovato tramite i motori di ricerca e quanti ancora invece ci hanno raggiunti tramite L’URL. Chiarito cosa sia in maniera approssimativa,cerchiamo di rispondere alla domanda più frequente che può essere posta da chi non ha mai utilizzato questo servizio,ovvero:

“Perché è importante Google Analytics per i possessori di un sito web”?

Bene a questa domanda basterà rispondere con pochissime e semplici parole.

Google Analytics non è strumento importante è ESSENZIALE per chi possiede un sito web poiché ci permette di interfacciarci in maniera rapida e intuitiva ad un marketing basato sul RENDIMENTO.

Detto ciò ritorniamo al quesito principale i 20 modi personalizzati per utilizzare Google Analytics.
Andremo a spiegare per prima cosa l’importanza di ogni tipologia di sito web per poi spiegarne i 5 modi di ogni uno per utilizzare Google Analytics personalizzato.

  1. Content sites
  2. Ecommerce Sites
  3. Lead Generation Sites
  4. Self Service sites.

I Content sites, vengono creati per catturare l’attenzione del “potenziale cliente” ad acquistare ciò che mostriamo tramite i contenuti,più il nostro sito web sarà ricco di contenuti interessanti più saremo in grado di catturare l’attenzione di svariati visitatori/clienti.

Quindi Analizzando tutto ciò,saremo in grado di capire cosa realmente funzioni nei contenuti del nostro sito web e cosa no.

Esempio:

_gaq.push([‘_setCustomVar’,1,’Author’,’Sayf Sharif’,3]);

I) TRACCIARE L’AUTORE. Se si dispone di più autori nel contenuto del nostro Content sites, bisognerà posizionare una variabile personalizzata ed assegnarla ad ogni autore. In questo modo si potranno segmentare le visite e capire chi produrrà più visite e chi meno.

II) TRACCIARE LE CATEGORIE. Come per gli autori,anche qui andranno posizionate delle variabili personalizzate assegnate ad ogni categoria,in modo da capire ogni categoria quante visite riceverà e quali frutteranno più visite rispetto alle altre per poi,impegnarsi a migliorare quelle che renderanno meno.

Esempio:

_gaq.push([‘_setCustomVar’,2,’Category’,’Google Analytics’,3]);

III) TRACCIARE I PROPRI TAG.


Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *